Centro storico e Capo Caccia

La Barceloneta sarda

Città storica nell’estremo nord della costa occidentale della Sardegna, nonchè rinomato centro turistico, noto come capitale della Riviera del Corallo, conserva intatti gli afflussi della dominazione catalane, nota come Barceloneta.
Gran parte della costa è protetta dall’area marina di Capo Caccia – Isola Piana, dove sono custoditi centinaia di tesori, tra cui la grotta di Nettuno, raggiungibile via terra, tramite l’Escala del Cabirol, e via mare, con imbarcazioni che partono dal porto turistico.

Capo Caccia (in catalano e algherese Cap de la Caça) è un imponente promontorio di roccia calcarea situato nell’estremità nord-occidentale della Sardegna, che si affaccia sulla rada di Alghero, e con l’altro promontorio di roccia calcarea di Alghero, punta Giglio, racchiude il grande golfo di Porto Conte.

Vi è ubicata la stazione meteorologica di Capo Caccia e, per la sua posizione è dotato di un faro, che grazie alla sua posizione in altezza, 186 metri s.l.m., è uno dei più visibili a distanza, circa 34 miglia, di tutta Italia e del Mediterraneo.

€ 155.00 a persona

 

Compila il modulo,
ti invieremo un preventivo

Per scaricare il pdf clicca qui


 logo-scarica-pdf

  • Destination

  • Departure

    Cagliari
  • Included

    Guida multilingue certificata
    Trasporto Andata e Ritorno
    Visita guidata
  • Not Included

    Pranzo a bordo

Il corallo di Alghero

Il corallo di Alghero, città di lingua e tradizione catalana in Sardegna, è conosciuto] come tra i più pregiati del Mediterraneo per la particolare fama di quantità, qualità, compattezza e soprattutto per il colore rosso rubino, tanto da rimarcare uno degli aspetti economici più importanti del territorio, chiamato anche Riviera del Corallo, e della città, e da avere nel suo stemma un ramo del pregiato corallo rosso su una base di roccia. Per il particolare abbinamento alla gioielleria ed all'artigianato orafo prende anche il nome di oro rosso, tanto che è venduto allo stesso prezzo del pregiato metallo. Fonte Wikipedia